• Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

Confcommercio Sesto San Giovanni: su Tosap e Tari attenzione da parte del Comune

Emergenza Coronavirus: sono in vigore fino al 3 aprile le norme previste dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (scarica il DPCM ) dell’8 marzo per l'intera Lombardia 8e 14 province di Veneto, Emilia Romagna, Piemonte Marche).

Cosa è consentito e cosa non lo è: scarica il cartello  di Confcommercio Lombardia con le indicazioni pratiche sulle principali misure che riguardano più direttamente l'attività d'impresa.

Da Fabrizio Gironi, presidente della Confcommercio di Sesto San Giovanni, giudizio positivo sulle scelte adottate dall’Amministrazione comunale nei tributi locali: “è un momento molto difficile per le attività commerciali in questa Fase 3 dell’emergenza Covid. Occorre il massimo sostegno e va certamente sottolineato come Sesto sia finora fra i pochi Comuni ad aver ridotto del 50% (fino al 31 ottobre) il canone della Tosap oltre, come in molte altre città, ad aver fortemente sburocratizzato il meccanismo per poter ottenere nuove e maggiori occupazioni di suolo pubblico a titolo gratuito”. Importante, evidenzia Gironi, anche la scelta politica del Comune di Sesto San Giovanni sulla Tari: “con una tariffazione più equa della tassa rifiuti secondo il principio di buon senso che si paga di più il servizio se si producono maggiori rifiuti. Con una conseguente riduzione della tariffa per le imprese”. “Un cambio di passo importante – sottolinea Gironi - per Sesto San Giovanni: da tempo, secondo i dati dell’indagine periodica di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza sulla tassa rifiuti dei vari Comuni nei nostri territori, emergeva infatti un eccessivo squilibrio a sfavore del sistema imprenditoriale”.

25/06/20
Categoria: Associazioni

Tipologia: Dalle associazioni